13 Ottobre 2016

Fegato grasso: UPMC Institute for Health su RAI 3

fegato grasso

Fegato grasso: che cos’è, cosa comporta e come prevenirlo e trattarlo.

Il Prof. Ferruccio Bonino, Direttore medico scientifico di UPMC Institute for Health Chianciano Terme, sarà ospite, martedì 18 ottobre (ore 11.00), della trasmissione Tutta Salute in onda su RAI 3. Il nuovo programma RAI dedicato alla salute pone l’attenzione dei telespettatori sulla prevenzione e su tutti quegli aspetti della vita quotidiana che possono contribuire a migliorare la nostra salute. L’intervento del Prof. Bonino si concentrerà sul tema del fegato grasso.

Che cosa vuol dire “avere il fegato grasso”?

L’eccessivo accumulo di grasso nelle cellule epatiche. L’accumulo di grasso nel fegato (anche nei soggetti non in sovrappeso) determina un’infiammazione del fegato e il conseguente rischio di sviluppo di complicanze serie: insorgenza di malattie epatiche (steato-epatiti), ma anche di quelle non epatiche (diabete, dismetabolismi, malattie cardiovascolari, malattie digestive).

Da cosa può dipendere?

Il fegato grasso può dipendere da diversi disturbi e patologie:

  • abuso di alcool
  • sovrappeso
  • obesità
  • diabete
  • sedentarietà
  • colesterolo alto
  • altre malattie metaboliche e virali

Il fegato grasso è una condizione frequente nelle persone obese (incidenza pari al 70-90%). Per stare bene è quindi fondamentale adottare uno stile di vita sano, alimentazione bilanciata e attività fisica regolare, e non dimenticare la prevenzione. Ad oggi si stima che circa il 20% di tutta la popolazione abbia un fegato grasso e la prevalenza di steatosi epatica sale rapidamente dopo i 40 anni, con valori di oltre il 60% negli ultra-sessantenni. Purtroppo l’incidenza è in aumento anche tra i bambini. Questa patologia può decorrere asintomatica per decenni prima della comparsa dei segni e dei sintomi di malattia. Per questo motivo, è molto importante sottoporsi a controlli preventivi per una diagnosi precoce.

Come verificare lo stato di salute del fegato?

Controllare la salute del fegato è oggi possibile con esami fisici non invasivi e indolori: ecografia ed elastometria (Fibroscan). Il Fibroscan è una nuova metodica per la verifica delle condizioni di salute del fegato, senza il bisogno di ricorrere al prelievo di parte del tessuto dell’organo. L’esame viene effettuato poggiando una sonda, simile a quella ecografica, sul torace del paziente, in corrispondenza del lobo destro del fegato.

Presso il centro di medicina preventiva UPMC Institute for Health Chianciano Terme è possibile effettuare il PROGRAMMA FEGATO. Oltre a comprendere l’elastometria (Fibroscan), prevede l’anamnesi patologica, la visita specialistica con il medico epatologo, analisi di laboratorio e test di diagnostica per immagini.

Contattaci per maggiori informazioni.