Riabilitazione cardiologica


Che cosa fare dopo un infarto? La riabilitazione cardiologica, un passo fondamentale per il ritorno alla quotidianità

Dopo un infarto è normale che ci si ponga domande sulla propria qualità di vita, che si abbiamo dubbi e ci si chieda quale sia il percorso giusto per sentirsi di nuovo bene, per tornare ad una vita normale ed evitare che si verifichino in futuro altri eventi cardiaci. I sentimenti più comuni, dopo un attacco cardiaco, sono paura di dover rivivere quel momento una seconda volta, depressione perché si pensa che la propria vita non potrà tornare come quella di prima, e ansia, per cui ogni piccolo dolore toracico o una lieve difficoltà nella respirazione vengono vissuti con angoscia e preoccupazione. Tutte queste sensazioni sono normali, ma assolutamente superabili.

Oltre a seguire scrupolosamente la terapia farmacologica prescritta e ad avere un confronto continuo con il medico cardiologo, per discutere con lui degli aspetti della terapia e dissipare eventuali dubbi, il consiglio è quello di intraprendere un percorso di riabilitazione cardiologica, che includa:

  • l’abolizione dei fattori di rischio cardiovascolare modificabili (fumo, abuso di alcool, alimentazione sbagliata, sedentarietà)
  • l’adozione di uno stile di vita sano, attraverso la pratica regolare dell’esercizio fisico e una dieta equilibrata. L’esercizio fisico è di vitale importanza, dopo un evento cardiaco, per recuperare una buona condizione di salute e prevenire l’insorgenza di altri episodi. L’attività aerobica aiuta il cuore a pompare con meno sforzo, contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo, aumenta i livelli di colesterolo buono (HDL) e migliora l’umore, dando una sensazione di benessere generale. È fondamentale una prescrizione personalizzata dell’esercizio fisico che tenga conto delle condizioni cliniche generali della persona, della terapia in atto e della risposta allo sforzo, al fine di stabilire l’adeguata intensità alla quale si può praticare l’attività fisica e ottenere i maggiori benefici mantenendo un adeguato margine di sicurezza. Per l’alimentazione, è da prediligere una dieta equilibrata e a basso contenuto calorico, ricca di frutta, verdure e cereali. È consigliabile ridurre il consumo di insaccati, sale, bevande gassate e alcolici e evitare alimenti conservati sott’olio, precotti e preconfezionati. Meglio preferire i grassi di origine vegetale (olio extra vergine d’oliva) a quelli animali (burro, strutto, panna, ecc.), le carni bianche a quelle rosse. È una buona abitudine, quella di mangiare pesce azzurro 2-3 volte a settimana, alimento ricco di acidi grassi Omega3, che hanno la capacità di ripulire le arterie dai lipidi contribuendo al buon funzionamento del muscolo cardiaco. Occhio, ovviamente alle cotture: meglio al vapore, al forno e ai ferri. Da evitare la frittura.
  • supporto psicologico per affrontare adeguatamente l’aspetto emotivo e mentale del percorso di recupero
  • attività come yoga e mindfulness che, attraverso tecniche di stretching, rilassamento, respirazione e meditazione, possono aiutare chi ha avuto un infarto o un altro evento cardiaco a recuperare la serenità e la tranquillità, imparando a gestire gli alti livelli di stress, spesso presenti nella vita di tutti i giorni

Riabilitazione cardiologica. Da dove cominciare?

Prima di tutto è necessario parlare della riabilitazione cardiologica con il Cardiologo che ha seguito il percorso intraospedaliero dopo l’infarto e/o con il Cardiologo di fiducia nonché con il proprio Medico curante. Una volta effettuata la prescrizione dal medico per la riabilitazione cardiologica, ci si può rivolgere al centro più vicino che abbia un programma adatto alle proprie esigenze.

Il programma di riabilitazione cardiologica di UPMC Institute for Health, privato o in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale (SSN), è strutturato in tre fasi:

  • valutazione iniziale, clinica e strutturale, delle condizioni del cuore a riposo e sotto sforzo e del profilo di rischio del paziente

  • definizione e inizio del programma. Sulla base della valutazione iniziale viene definito un programma di esercizio fisico, basato sulla personalizzazione delle frequenze cardiache alle quali allenarsi, che include esercizi aerobici (cyclette, tapis roulant), a corpo libero e di tonificazione muscolare, associato a programmi educativi per il cambiamento dello stile di vita (supporto psicologico, consulenza nutrizionali, lezioni di cucina salutare, yoga, mindfulness)

  • dimissione. Alla fine del programma viene eseguita una rivalutazione cardiologica e fisioterapica, e viene rilasciato un report sui risultati raggiunti, con le indicazioni da seguire, in modo che il paziente possa proseguire con l’attività fisica e con il nuovo stile di vita, anche una volta che ha terminato il programma e che si riaffida alle cure del Cardiologo o della struttura di fiducia.

Durante tutto il programma, il paziente è seguito quotidianamente da un team multidisciplinare composto dal medico cardiologo, dal fisioterapista, nutrizionista, psicologo, infermier e personal trainer. Partecipare al programma di riabilitazione cardiologica di UPMC Institute for Health vuol dire avere a disposizione specialisti altamente specializzati e una struttura innovativa, confortevole e dotata di macchinari Technogym. Tutto questo aiuta i pazienti nella ripresa di una vita piena e attiva.

Per maggiori informazioni sul programma di riabilitazione cardiologica di UPMC Institute for Health: 0578 61198

CONVENZIONI E ASSICURAZIONI

Scopri come raggiungerci scegliendo la modalità che preferisci

car train fly
upmc3

A UPMC Institute for Health Chianciano Terme ci occupiamo della prevenzione delle malattie epato-bilio-pancreatiche e gastrointestinali, delle problematiche cardiache, della sindrome metabolica e del diabete. In una parola, ci prendiamo cura di te.

upmc2

Divisione italiana del Centro Medico dell’Università di Pittsburgh con sedi a Roma (UPMC San Pietro FBF, radioterapia oncologica e Salvator Mundi International Hospital UPMC), a Palermo (ISMETT IRCCS, trapianti e terapie ad alta specializzazione e Fondazione Ri.MED, ricerca).

upmc1

UPMC è un’azienda sanitaria integrata con sede principale a Pittsburgh, Pennsylvania. Grazie alle sue elevate competenze cliniche, gestionali, di ricerca e formazione, UPMC è tra i sistemi sanitari leader negli Stati Uniti. UPMC International condivide conoscenze e competenze cliniche, tecnologiche e gestionali con partner in diverse parti del mondo per fornire la migliore assistenza sanitaria ai pazienti vicino a casa.

Seguici: